---->https://www.accademiaitalianaprivacy.it/assets/images/immagineFB.jpg<---- VPN e GDPR: cifratura e privacy

Dettaglio news
VPN e GDPR: cifratura e privacy


mercoledì 3 luglio 2019
A cura di Dott. Alessandro Mammoli





VPN per tutelare la privacy
Il Regolamento G.D.P.R. ha sensibilizzato le aziende sull’importanza della protezione dei dati personali, che hanno quindi adottato mitigazioni di sicurezza per rafforzare il loro livello di tutela della privacy. Molte di queste aziende monitorano l’attività su Internet per conoscere le abitudini e l’uso della rete da parte degli utenti. Adottare una rete privata virtuale (VPN) permetterà di impedire alle aziende di raccogliere le vostre informazioni, relative al luogo dove vivete, alla frequenza con cui andate online, a quali siti web visitate, a quanto tempo trascorrete su di essi, così come sapere con chi state comunicando online.

Come funziona la VPN…
Una VPN funziona installando un software sul dispositivo, indipendentemente dal fatto che abbiate un cellulare, un tablet o un computer. Nello specifico, tale software permette di crittografare tutti i vostri dati prima che gli stessi vengano inviati sulla rete. Nel momento in cui i vostri dati lasciano il vostro dispositivo, vengono crittografati in modo sicuro, così che nessun altro possa vederli o interferire con essi. Questi dati crittografati vengono quindi passati a un server gestito dal provider VPN in cui vengono decodificati e inviati alla destinazione originale. Ciò significa che quando una VPN è in esecuzione, potete utilizzare la rete Internet per navigare tra le pagine Web del browser, guardare video, chattare, ecc... senza però mai mettere a rischio la privacy dei vostri dati.

Gli utilizzi della VPN…

  • Eludere una censura oppressiva di determinate nazioni poiché la VPN, cifrando i dati, qualsiasi tipo di comunicazione tra privati non potrà essere intercettata;
    navigare in sicurezza su una rete Wi-Fi pubblica;
  • cifrare automaticamente qualsiasi dato. E’ un metodo tramite il quale la navigazione in Wi-Fi nei luoghi pubblici può essere resa sicura e tenuta lontana dagli hacker;
  • effettuare ricerche sensibili senza alcun tipo di interferenza;
  • collaborazione completamente privata e cifrata, poiché anche i Cloud e gli strumenti per le chat di gruppo possono essere il bersaglio di hacker, furti di copyright e bersagli di spionaggio industriale;
  • evitare prezzi diversi poiché alcuni shop online praticano un diverso tariffario a seconda del paese da cui ricevono le visite;
  • migliorare le velocità di gioco online poiché alcuni Internet provider limitano la velocità di trasmissione dati nel gaming;
  • vedere programmi tv a prescindere dalla geolocalizzazione e dalle restrizioni poste dai provider;
  • chat vocali sicure e private poiché le app di VOIP di solito sono prive di cifratura.




CONDIVIDI QUESTA PAGINA!