Hai adottato le misure minime di sicurezza per essere conforme al Regolamento Europeo sulla Privacy?


Abbiamo stilato un questionario gratuito che ti rilascerà una serie di preziosi consigli riguardo alla protezione dei dati in tuo possesso secondo lo standard e le linee guida di Accademia Italiana Privacy.
Rispondi liberamente alle domande qui sotto:

Quantità e tipologia di dati trattati:

I dati personali (anagrafici, non sensibili) in tuo possesso appartengono a più di 10.000 persone?
Utilizzi i dati personali (anagrafici, non sensibili) in tuo possesso in modo sistematico (almeno una volta al mese)?
I dati sensibili (sanitari, biometrici, giudiziari, ecc.) in tuo possesso appartengono a più di 3.000 persone?
La tua azienda è un'autorità pubblica o un organismo pubblico?
Riutilizzo dei dispositivi aziendali:
Il passaggio da un utente all'altro di dispositivi informatici in un'azienda è una cosa normalissima, siano essi PC, smartphone o penne USB. Ma, secondo il G.D.P.R., oltre alla loro senescenza e all'obsolescenza, l'azienda deve assicurarsi che ad ogni passaggio, tali dispositivi subiscano una cancellazione sicura dei dati contenuti. A questo scopo esistono appositi programmi.

Avvengono passaggi di dispositivi informatici da una persona all'altra?
Distruzione dei dispositivi aziendali:

Come vengono trattati i dispositivi dismessi?
Criptazione dei dati aziendali:

Adotti un sistema di criptazione a dischi fissi e mobili?
Dispositivi mobili aziendali:

Esistono dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili, ecc.) che si connettono sporadicamente alla rete aziendale (ad esempio durante riunione dei commerciali, consigli di amministrazione, ecc.)?
Sicurezza digitale:

Quanti dispositivi di tipo PC, notebook o server sono presenti in tutto in azienda?
In mezzo a questi dispositivi ne esiste almeno uno di tipo server?
Disaster recovery:

Quale sistema di backup dei dati hai adottato per provvedere ad un ripristino dei dati veloce in caso di perdita?
Dispositivi rimovibili USB:

Vengono utilizzate penne USB per spostare dati personali?
Formazione degli incaricati:

Gli incaricati che trattano per tuo conto i dati hanno svolto almeno una sessione certificata di formazione ai diritti/doveri del GDPR?
Gestione dei documenti cartacei:

Utilizzi ancora documenti cartacei nella tua attività?
Lasciaci i tuoi recapiti:

Ragione sociale (o nome):

Telefono:

Email:

Indirizzo:

Località:

CAP:

Provincia:

Ai sensi del Regolamento UE 2016/679, la comunicazione dei dati verrà intesa come esplicita manifestazione di consenso al trattamento degli stessi, ferma restando la facoltà di esercitare tutti i diritti previsti dagli art. 15-16-17-18-20-21 del Regolamento UE 2016/679.
Leggi la nostra informativa sulla privacy.      Accetto*



Accademia Italiana Privacy è un'associazione legalmente costituita con lo scopo di promuovere la cultura del Regolamento Europeo della privacy


Perchè associarsi ad A.I.P.?

1) Prima di tutto perchè essere un gruppo di professionisti ci tutelerà in futuro riguardo ai verosimili cambiamenti che nel tempo saranno apportati dall'Autorità Garante: un potere contrattuale che ci permetterà di interloquire direttamente e per tutti gli iscritti con le istituzioni

2) Diritto di utilizzare il diploma di socio e fregiarsene professionalmente (lo troverete nella vostra area privata)

3) Diritto di utilizzare il template dei biglietti da visita con il logo AIP già generati per voi con le misure di Pixrprinting.it (lo troverete nella vostra area privata

4) Creazione di una email qualificante del tipo nome.congnome@accademiaitalianaprivacy.it (troverete i settaggi nella vostra area privata)

5) Accesso al gruppo chiuso di Watsapp. Questo gruppo sarà inaugurato il 23 ottobre allo SMAU e dovrà essere utilizzato dai soci ESCLUSIVAMENTE per questioni urgenti relative alla privacy e al regolamento (non sono tollerate deroghe pena l'esclusione)

6) Possibilità per chi lo desidera di approfittare della convenzione per l'assicurazione DPO a € 230 l'anno (premio e copertura nella vostra area privata)

7) Possibilità di condivisione del business: tutti i contatti che arrivano all'Accademia Italiana Privacy verranno girati al professionista geograficamente più vicino al contatto.

L'iscrizione verrà accettata solo dopo:

A) attenta valutazione da parte del consiglio direttivo

B) aver preso parte al corso di formazione sul GDPR. La quota di iscrizione a tale corso è di € 99.

ISCRIVITI ORA



L'Accademia Italiana Privacy

Nata da un idea di due DPO e consulenti privacy, Alessandro Papini e Pierpaolo Benzi e ramificatasi nel tempo in una rete di contatti di colleghi sparsi per l'Italia è nata l'Accademia Italiana Privacy, un gruppo di esperti indipendenti del settore privacy che prendendo atto dell'inesistenza di un albo o di un associazione di categoria riconosciuta hanno deciso di mettere insieme il proprio know-how per scambiarsi pareri, esperienze e condivisioni di business.

Lo scopo principale è coprire capillarmente tutta l'Italia e dare la possibilità a qualsiasi azienda operante sul nostro territorio di avere uno specialista vicino e un portale in grado di dare tutte le informazioni necessarie.

Riteniamo fondamentale in un'ottica di continua metamorfosi e implementazione del Codice Europeo avere costantemente un contraddittorio tra addetti ai lavori che ci permetta di crescere professionalmente e di andare uniti verso una direzione interpretativa condivisa.

Abbiamo questo portale, un gruppo whatsapp e i nostri riferimenti sempre a portata di mano per condividere e consigliarci a vicenda. Ma soprattutto quando saranno richiesti particolari requisiti o certificazioni avremo un potere di contrattazione maggiore.



Primo piano

Privacy, diritti e APP: tutto il mondo si riempie di parole e intanto su Twitter…

venerdì 8 maggio 2020

Cosa succede su Twitter e cos'è l'operazione Revenge Gram

In questi giorni ci siamo fatti prendere tutti da questioni di privacy che ruotano attorno al Covid-19, generando enormi sorgenti di pensieri che si sono evoluti in fiumi di parole, articoli e interviste che hanno inondato il web e tutti i media. APP si APP no, mis...

Leggi tutto...


Ultime news

Smart working e contact tracing: con un'importante audizione al Senato il Garante Soro fissa i limiti

mercoledì 27 maggio 2020

  Il Garante per la Protezione dei dati personali Soro è intervenuto in Commissione Lavoro del Senato qualche giorno fa, trattando a...

Leggi tutto...

GDPR due anni dopo: la nota della Commissione europea ripercorre i passi fatti e annuncia quelli futuri

martedì 26 maggio 2020

Il 25 Maggio 2018 il Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati diveniva operativo. Vera Jourova, vice presidente della Commissione europea per i ...

Leggi tutto...

Il report annuale dell'EDPB: cosa è stato fatto è le prospettive per il 2020

lunedì 25 maggio 2020

  L'European Data Protection Board (EDPB) ha pubblicato il report annuale 2019 "Working Together for Stronger Rights", un documento che dettagli...

Leggi tutto...

Dati: un asset aziendale sempre più centrale, ma per gli addetti ai lavori le soluzioni attuali non sono sufficienti

giovedì 21 maggio 2020

Dell Technologies ha pubblicato il Global Data Protection Index 2020 Snapshot, uno studio che fotografa la situazione dei dati e della loro ...

Leggi tutto...











Contattaci

Ponici tutte le domande che hai e ti risponderemo il prima possibile.
Ai sensi del Regolamento UE 2016/679, la comunicazione dei dati verrà intesa come esplicita manifestazione di consenso al trattamento degli stessi, ferma restando la facoltà di esercitare tutti i diritti previsti dagli art. 15-16-17-18-20-21 del Regolamento UE 2016/679.
Leggi la nostra informativa sulla privacy.      Accetto*