Dettaglio news
Maggiori rischi per i minori durante l’emergenza Covid 19


giovedì 26 marzo 2020
Avv. Gianni Dell’Aiuto





La Polizia Postale segnala l’aumento degli attacchi online durante questo particolare e triste periodo. Dai messaggi di phishing e alle email che all’apparenza contengono consigli e suggerimenti per evitare il rischio di contagi o trasmissione della malattia. Facendo click o scaricando allegati, si corre non solo il rischio di regalare ad altri i propri dati personali, ma anche il rischio di installare un virus che infetta il sistema in maniera irreparabile. Non mancano segnalazioni raccolte dalla Polizia Postale per richieste di donazioni alle più svariate strutture o associazioni. Attenzione, quindi, prima di dare prova di generosità: dietro molte email ci sono soggetti senza scrupoli che approfittano di questa situazione e forniscono coordinate che faranno arrivare la donazione non certo all’apparente beneficiario.  

Purtroppo questa situazione mette a maggior rischio le fasce più deboli e indifese, tra cui spiccano i più giovani, specialmente i minorenni: anche se nati già con una tastiera in mano e la tecnologia digitale nel DNA, non hanno ancora la consapevolezza dei rischi che si corrono, in particolare quelli di essere adescati da malintenzionati e, non ultimi, veri e propri pedofili. In questi giorni in cui la connessione online è uno dei sistemi più utilizzati non solo per le lezioni scolastiche, ma anche per passare il tempo, consigliare ai genitori una maggiore presenza e attenzione alla navigazione dei figli sembra pleonastico ma, considerati i sistemi subdoli di adescamento usati, è sempre decisamente opportuno.

La Polizia Postale ricorda infatti che l’adescamento quasi mai è immediato, bensì frutto di un processo lento e strutturato, appositamente studiato e finalizzato ad una manipolazione psicologica volta a costruire relazioni basate sulla fiducia per coinvolgere in una relazione sessuale prima tecnomediata per successivamente portarla sul piano reale.  Lo strumento più utilizzato è, ovviamente, quello di più facile accesso ed utilizzato, vale a dire i social network, che permettono di individuare le potenziali vittime e di entrare in contatto con loro sfruttando l’inesperienza informatica e la voglia di protagonismo e visibilità che Internet ha letteralmente inculcato nella generazione dei nativi digitali.

Dal social network, una volta carpita la fiducia della vittima, si passa ai sistemi di messaggistica su cellulare, scegliendo quei sistemi che rendono più difficoltosa l’individuazione dell’utilizzatore, per poi iniziare con le richieste di foto e altro materiale pedopornografico. Whatsapp, Snapchat e Telegram tra i più utilizzati. La tecnica utilizzata è quella persuasiva, volta a creare non solo fiducia, ma anche un rapporto di soggezione tale da condurre la vittima verso una condizione sempre più collaborativa, ponendo sempre l’accento sulla segretezza e la complicità. La richiesta di foto e video è il passo successivo. Andando a vedere molti video in rete di giovanissimi, specialmente sull’ultimo social da questi preferito, il pericolosissimo Tik Tok, si capisce come molti possano avere anche poche remore a cedere.

Il sito della Polizia Postale è chiaro e indica tutti i possibili rischi che corrono a causa della naturale curiosità per la sessualità, tipica della fase evolutiva che si sposa con una straordinaria naturalezza, abbinata all’incoscienza, con cui usano gli strumenti tecnologici. Non dimentichiamo poi il gusto della sfida, del proibito e della trasgressione. Tutte componenti che hanno un ruolo determinante e vengono utilizzate dall’abusante per far superare alla vittima ogni possibile remora.

Un accento particolare viene infine posto sull’atteggiamento dei genitori che, sempre iperprotettivi e purtroppo assenti nei controlli sulla navigazione dei loro figli, tendono a giustificarli, spesso senza valutare le colpe di loro stessi nella fase educativa.




CONDIVIDI QUESTA PAGINA!